Home La Collina di Cardina e la sua flora spontanea La Flora Acero campestre
Famiglia Botanica  Specie  Autore  Altezza  Foglie 
ACERACEAE  Acer campestre
Linneo
Fino a 15 metri  Decidue palmate

 

  Foglie: palmate o lobate, lunghe fino a 7,5 cm con 5 lobi, i due all'apice più grossi; opposte e piccole, cuoriformi alla base, verde scuro nella parte superiore, più pallide e pelose nella inferiore, giallo ambrate in autunno; se tagliato, il picciolo emette lattice.
Frutti: in grappoli pendenti, le samare, lunghe 2,5 cm, sono disposte a due a due in linea quasi retta, le ali sono spesso sfumate di rosa. La particolare forma facilita la dispersione lontano dalla pianta madre, grazie al vento (anemocora).
Portamento: l' acero campestre ha una chioma arrotondata e tronco tortuoso, le estremità dei rami tendono prima verso il basso e poi verso l' alto; può raggiungere i 25 metri di altezza.
Corteccia: grigio marrone, tuberosa, ha leggere fessure con l'età.
Legno: duro,resistente, usato in liuteria e come legna da ardere.
Origine: Nord Africa ,Asia sud-occidentale.
Habitat: è frequente nei boschi misti di latifoglie, nelle zone collinari e in bassa montagna,dove viene governato a ceduo per la produzione di legna e carbone.
 
  Fiori: piccoli e verdi in corimbi eretti in primavera; le nuove foglie sono rosacee.
Note: l' acero campestre è spontaneo in Italia,tranne nell’estremo sud; era piantato vicino alle case coloniche, dove veniva apprezzata l' ombra della sua chioma compatta; veniva usato come tutore per le viti. E' usato anche per la formazione di siepi, dato che sopporta molto bene la potatura anche intensa. In passato era utilizzata anche come pianta da giardino per i bei colori delle foglie in autunno.

 

 
ORTICOLARIO 2019

Acquista biglietti online

4 - 5 - 6   Ottobre  2019

Temi: Il Viaggio e le Piante da Bacca

Login Form



Collegati ora:
 33 visitatori online
Memo